Carlo Mollino

Info e lavori più importanti

Carlo Mollino

Carlo Mollino nacque nel 1905 a Torino, figlio unico di Jolanda Testa e dell’ingegnere Eugenio Mollino. Suo padre fu autore di diverse opere pubbliche che gli diedero una certa notorietà e di cui la più famosa è la progettazione dell’Ospedale Le Molinette di Torino, il più grande d’Italia in quegli anni. Mollino si laurea in architettura nel 1931, diventa rapidamente uno degli artisti più in vista, tra il 1933 e il 1973 (anno della sua improvvisa scomparsa) realizza una decina di opere architettoniche - tra cui i suoi capolavori: la Società Ippica Torinese, la Slittovia del Lago Nero e il Nuovo Teatro Regio di Torino, tutte caratterizzate da una particolare attenzione all'aspetto funzionale. Altrettanto originale fu la sua attività di progettista d’interni e di fotografo: nell’arco di circa un quarantennio, Mollino progettò case, edifici, automobili, aerei, scenografie e mobili. Alcuni di questi ultimi sono esposti nei più importanti musei del mondo come il Victoria and Albert Museum di Londra o il MOMA di New York. Si tratta quasi sempre di pezzi unici, che assomigliano più a sculture che a veri e propri arredi. Mollino fu definito "designer senza industria” per via della sua ricerca circa l’innovazione dei materiali e delle tecniche senza tuttavia spingersi mai verso la produzione di serie. Era il 2006, quando ad un’asta di Christie’s a New York, una scrivania fu battuta per più di tre milioni e ottocentomila dollari. Una cifra record per un pezzo d’arredamento del XX secolo, mai raggiunta prima di allora. Il suo creatore, Carlo Mollino, è venerato dai collezionisti che ne fanno l’oggetto di un vero e proprio culto, complice anche la rarità degli oggetti da lui creati, quasi tutti pezzi unici.