Interior Designers

Arredatori e artisti di fama internazionale

I designers trattati da Misia

Scopri la storia e le opere dei più grandi designer d'interni le cui opere sono passate attraverso le nostre mani:

Achille Castiglioni

Figlio dello scultore Giannino e di Livia Bolla, Achille Castiglioni (1918-2002) si laureò al Politecnico di Milano nel 1944; dopo la laurea lavorò nello studio dei fratelli maggiori Livio (1911 - 1979) e Pier Giacomo (1913 - 1968) in piazza Castello a Milano, dedicandosi a progetti di urbanistica, architettura, mostre, esposizioni e product design. Nel 1944 partecipa, insieme ai fratelli, alla VII Triennale di Milano dove presenta l'RR126, apparecchio radio concepito per la produzione industriale.
Nel 1956 fu tra i fondatori dell'ADI, Associazione italiana del Disegno Industriale. Negli anni 1952-1953 si occupa della ricostruzione postbellica del Palazzo della Permanente di Milano. Tra il 1955 e il 1979 vince sette premi Compasso d'oro, l'ultimo lo vince nel 1979 per la lampada Par...

Scopri di più >>

Franco Albini

Tra le figure principali dello sviluppo del pensiero razionalista nell'ambito della produzione architettonica, dell'arredamento, dell'industrial design e dell'allestimento museale, Franco Albini (1905-1977) si laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 1929, collaborando successivamente con lo studio di Ponti e Lancia. Fondamentale per lo sviluppo del suo pensiero anche la collaborazione con la redazione della rivista Casabella, che sancisce la sua definitiva conversione al razionalismo di cui diventa portavoce nel panorama culturale italiano. Apre nel 1931 il primo studio professionale a Milano iniziando ad occuparsi di edilizia popolare; tale ricerca continua anche nel dopoguerra in relazione alle opportunità offerte dalla ricostruzione, in collaborazione dal 1952 con Franca He...

Scopri di più >>

Gianfranco Frattini

Nato a Padova nel 1926, Gianfranco Frattini (1926-2004) si laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 1953, dove vive e lavora fino alla sua morte. La sua attività professionale è indirizzata prevalentemente all’arredamento d’interni e al disegno industriale. Assidua è la sua partecipazione a mostre ed esposizioni e numerosi i premi assegnati ai suoi progetti di design. Nel 1956 Frattini è tra i fondatori dell’ADI, Associazione per il Disegno Industriale, per la quale svolge numerosi incarichi. Vasta è anche la sua partecipazione a congressi, convegni e saloni del mobile in tutto il mondo....

Scopri di più >>

Gio Ponti

Personalità eclettica fin dagli esordi, Gio Ponti (1891-1979) è attivo nel campo dell’architettura, della pittura, della grafica e della scenografia. Si laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 1920. Dal 1923 al 1930 è direttore artistico della Richard-Ginori. Nel 1926 fonda - con l’Editore Gianni Mazzocchi - la rivista Domus, che dirigerà fino alla morte. Nel 1931 viene chiamato alla direzione artistica della Luigi Fontana e nel 1932 – insieme a Pietro Chiesa - fonda la FontanaArte.Nel 1927 fonda il Labirinto, con Lancia, Buzzi, Marelli, Venini e Chiesa, per proporre arredi e oggetti di alto livello.
Dal 1923 al 1930 è direttore artistico di Richard Ginori. Con la fondazione della rivista Domus nel 1928 (che, salvo brevi interruzioni, dirigerà fino alla morte)...

Scopri di più >>

Luigi Billi

Al termine degli studi presso il Liceo Artistico Barabino di Genova, Luigi Billi (1958-2016) si laurea a Firenze, sua città di origine, in psicologia sperimentale alla Facoltà di Magistero. Dopo molti anni a Roma, ha vissuto a Milano, esibendo la sua prima mostra personale nel 1990.
Del suo curriculum espositivo ricordiamo la partecipazione a LIV Biennale di Venezia “Padiglione Italia” (Torino, Sala Nervi, 2011); VIII Biennale d’Arte Contemporanea d’Egitto “Spirit in soul, spirit in body, spirit in the machine” (Il Cairo, Museo Egizio, 2000); VIII Biennale Internazionale di Fotografia “L’Occidente imperfetto” (Torino, Palazzo Bicherasio, 1999); XII Quadriennale Nazionale di Roma “Ultime Generazioni” (Roma, Palazzo delle Esposizioni, 1996); Alla Triennale di Mi...

Scopri di più >>

Max Ingrand

Celebre maestro vetraio e decoratore francese, Max Ingrand (1908-1969) è stato direttore artistico di FontanaArte dal 1954, per un decennio. In quegli anni ha progettato dei veri e propri classici del design, come la lampada da tavolo Fontana, ancora oggi uno dei best seller dell’azienda di cui porta il nome. Formatosi alla scuola di Belle Arti di Parigi, indirizza la sua specializzazione verso le Arti decorative, sotto la guida di grandi artisti come Jacques Grüber e Charles Lemaresquier.
Ha realizzato numerosissimi progetti di vetrate artistiche per edifici religiosi, hotel, ambienti pubblici ed è stato premiato in Francia con La Legion d’Onore....

Scopri di più >>

Philippe Starck

Le migliaia di progetti, completati o in corso, la sua fama internazionale e la sua versatile e instancabile inventiva non dovrebbero mai distrarre dalla visione fondamentale di Philippe Starck (classe 1949): la creazione, a prescindere dalla forma che assume, deve migliorare le vite del maggior numero di persone possibile. Starck crede appassionatamente che il proprio compito poetico e politico, ribelle e filantropico, pragmatico e sovversivo, debba essere condiviso con tutti e riassume questo concetto con il senso dell’umorismo che lo ha contraddistinto sin dall’inizio: “Nessuno deve essere un genio ma tutti devono partecipare.” La sua precoce consapevolezza delle implicazioni ecologiche, il suo entusiasmo nell’immaginare nuovi stili di vita, la sua determinazione a cambiare il...

Scopri di più >>

Tobia Scarpa

Classe 1935, Tobia Scarpa ha lavorato per buona parte della sua carriera al fianco della moglie Afra Bianchin (1937 – 2011). Le loro opere possono essere trovate in molti musei negli Stati Uniti ed in Europa, fra cui il MoMa e il Louvre. Ha collaborato con aziende come B&B Italia, San Lorenzo Silver e Knoll International. È stato inoltre insignito di numerosi riconoscimenti e premi come il Compasso d'Oro nel 1969 e l'International Forum Design nel 1992. Il lavoro di design della coppia è composto da architettura e oggetti di uso quotidiano tra cui mobili, abbigliamento, design degli interni e lavoro del vetro. Nelle loro progettazioni si sono concentrati sulle possibilità tecniche ed estetiche dei materiali usati. Il lavoro di Tobia e di Afra è stato grandemente influenzato da suo pa...

Scopri di più >>

Ugo Marano

Noto artista e ceramista, Ugo Marano (1943-2011) è nato a Cetara, cittadina della Costiera Amalfitana. Figura eccentrica e al contempo classica: alto, dinoccolato, candido barbone arruffato, occhi magnetici e modi gentili, eloquio raffinato e insieme diretto, grande saggezza e sensibilità d’animo. Gillo Dorfles lo definì “artista del nuovo secolo, capace di riflessione simbolica e concettuale ma anche di sofisticata perizia artigianale, in un nuovo trionfo della manualità”. Ed è infatti il suo lavoro una sintesi eccellente di abilità pratica e di finezza di pensiero.
Marano è stato maestro dell’arte vascolare italiana contemporanea, ambito in cui ha fatto convergere suggestioni e riflessioni legate alla natura, all’avventura esistenziale dell’uomo, alla forma del ...

Scopri di più >>

Vladimir Kagan

Designer e architetto, Vladimir Kagan (1927 - 2016) è stato un precursore dell'arredamento minimalista, soprannominato "re dei sofà". Nel mondo del design americano era considerato una leggenda. Il suo nome era legato a divani celeberrimi come l'Omnibus o il Serpentine, ma aveva pensato e realizzato anche pezzi d'arredamento come il tavolo da pranzo con sedie in noce Fred. Dalla seconda metà degli anni Cinquanta, Kagan aveva lavorato per le star del cinema americano. Da Marylin Monroe a Frank Sinatra, da Andy Warhol a Gary Cooper. Aveva lavorato anche alla realizzazione delle sedi di grandi società come Walt Disney e General Electric. Emigrato dalla Germania negli Stati Uniti nel 1938, a soli undici anni, insieme alla famglia, era così sfuggito alle persecuzioni naziste. Aveva studia...

Scopri di più >>

Gino Sarfatti

Gino Sarfatti rappresenta una vetreria d’arte e, per richiesta di un cliente, trasforma un vaso in una lampada: gli apparecchi di illuminazione diventano da allora il suo campo elettivo di attività. Collabora con Lumen e apre un proprio laboratorio: sulla sua carta da lettere scrive “Gino Sarfatti – Illuminazione razionale”. Frequenta Lica e Albe Steiner, Franco Albini, Lucio Fontana. Nel febbraio 1939, con alcune personalità dell’ambiente economico milanese e con l’architetto Maurizio Tempestini, fonda la S.A. Arteluce: Presidente è Popi Bolchini e Gino Sarfatti è Direttore Generale. Con i primi bombardamenti sia la produzione che la famiglia sono trasferiti nell’alta Brianza. In Italia, Arteluce resta in parte attiva, affidata a una giovane collaboratrice. Già ne...

Scopri di più >>

Franco Albini

E' una delle figure principali dello sviluppo del pensiero razionalista nell'ambito della produzione architettonica, dell'arredamento, dell'industrial design e dell'allestimento museale. Si laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 1929, collaborando successivamente con lo studio di Ponti e Lancia. Fondamentale per lo sviluppo del suo pensiero anche la collaborazione con la redazione della rivista Casabella, che sancisce la sua definitiva conversione al razionalismo di cui diventa portavoce nel panorama culturale italiano. Apre nel 1931 il primo studio professionale a Milano iniziando ad occuparsi di edilizia popolare; tale ricerca continua anche nel dopoguerra in relazione alle opportunità offerte dalla ricostruzione, in collaborazione dal 1952 con Franca Helg. Negli anni ...

Scopri di più >>

Ico Parisi

Domenico Parisi nasce a Palermo il 23 settembre 1916. Si forma tra le due guerre. Si diploma in edilizia nel 1934. In questi anni frequenta il Cinegulf di Como producendo il documentario “Como+Como+Como”. Nel 1936 lavora presso lo studio di Giuseppe Terragni per il quale fotografa la “Casa del Fascio” di Como e la “Villa Bianca” di Seveso. Fonda il gruppo “Alta Quota” con F. Cappelletti, P. Costamagna, G. Galfetti e S. Longhi. Dopo la guerra, che lo vede impegnato sul fronte russo, con la moglie Luisa Aiani apre a Como in via Diaz lo studio La Ruota dirigendone l’attività verso il design e l'architettura d'interni (1948). Disegna mobili per aziende tra le quali Cassina, M.I.M., Singer, Altamira, Longhi, Cappellini. Disegna anche ceramiche, vetri e gioielli. Si laurea i...

Scopri di più >>

Ettore Sottsass

ETTORE SOTTSASS Figlio dell'architetto Ettore Sottsass senior[1] e di madre austriaca[2] (Antonia Peintner), dopo aver studiato architettura al Politecnico di Torino laureandosi nel1939, comincia la sua attività a Milano nel 1947 dove apre il suo primo studio di design. Nel 1945, insieme ad altri 26 architetti di Torino, Sottsass fu uno dei membri fondatori dell'associazione Giuseppe Pagano (APAO). Nel 1948 entra nel gruppo del MAC (Movimento di Arte Concreta) e partecipa alla prima collettiva di Milano. Nello stesso anno promuove a Roma la mostra dedicata all'Arte astratta in Italia. Successivamente aderisce allo Spazialismo. Nel 1957 diventa art director di Poltronova, l'azienda di Agliana, chiamato dall'imprenditore Sergio Cammilli. Nel 1958 inizia la sua collaborazione con la...

Scopri di più >>

Francesca Guarini

Francesca Guarini frequenta nel 2002 lo IED Istituto Europeo di Design. Successivamente continua ad approfondire i suoi studi, seguendo diversi stage in Italia e all'estero. Dal 2003 inizia ad esporre le sue fotografie in mostre personali e collettive presso gallerie e istituzioni. “Berlino in bianco e nero“ - Palazzo Valentini, Roma 2011, “Anvedi Roma“ Selezione fotografica a cura di Achille Bonito Oliva e Umberto Scrocca - Campo dei fiori, Roma 2010. Le sue immagini sono strettamente legate al mondo emozionale, percepisce un sentimento trasformandolo così in una emozione da far condividere con chi le osserva. Attualmente vive a Roma e lavora come freelance . ...

Scopri di più >>

Lodovico Acerbis

È il 1870 quando Benvenuto Acerbis avvia la sua bottega di falegname ad Albino, Bergamo. “Benvenuto Acerbis Tappezzerie, Falegname e Carpentiere. Fabbrica Mobiglia a Motore Elettrico. Impianti Completi”, così recita l’insegna, sottintendendo già uno dei pilastri della filosofia di Acerbis: il dialogo fra tecnologia, saper fare artigiano e profonda conoscenza della materia. Nel 1963, l’azienda si sposta a Seriate e Lodovico Acerbis entra alla guida dell’impresa. È con lui che nasce il marchio Acerbis International: un brand che fa sua l’eredità artigianale del passato reinterpretandola nelle nuove collezioni di oggetti di design, avvalendosi di collaborazioni con i più grandi architetti e designer del momento e partendo alla conquista del mercato internazionale. ...

Scopri di più >>

TECNO

Osvaldo Borsani nel 1953 realizza, insieme al fratello Fulgenzio, il suo progetto più complesso: un’idea d’azienda che prende il nome dalla “techne” dei greci che significa tanto arte quanto tecnica. Nasce il pensiero Tecno: la sintesi perfetta tra l’esperienza artigianale dell’atelier e la sua declinazione su una scala più grande, che si concede nuovi orizzonti di mercato e maggiore capacità di innovazione progettuale. Impresa figlia del suo tempo, Tecno nasce in un’Italia che si è lasciata guerre e miseria alle spalle e che ha voglia di inventare un futuro di serenità e ottimismo. Il mobile in Tecno diventa oggetto tecno-logico: si arricchisce di componenti meccaniche che gli regalano versatilità in termini di composizione, forma e assetto (come dimostrano la poltrona...

Scopri di più >>

POLTRONOVA

Nasce nella campagna toscana dall’entusiasmo, da incontri fortunati tra personaggi fuori dalla norma. Fondata nel 1957, l’azienda acquista ben presto un’immagine d’avanguardia grazie alla direzione artistica di Ettore Sottsass, figura originalissima di designer, architetto, ceramista e intellettuale, che in vent’anni anni firma per Poltronova più di 50 progetti. Sottsass porta nel campo dell’arredamento l’uso del colore, e un alfabeto di nuovi materiali e nuovi spessori, come nel progetto dei Superbox: armadi con grandi basi, rivestiti in laminato plastico a righe come segnali stradali o distributori di benzina. Presto, la creatività di Sottsass incontra quella dei nuovi gruppi radicali, Archizoom e Superstudio, che realizzano nel 1966 a Pistoia “Superarchitettura”, mos...

Scopri di più >>

François Morellet

François Morellet viene considerato il più grande precursore del minimalismo in europa oltre a essere anche un gran maestro nel' astrazione geometrica. Il suo percorso artistico inizia tramite suo padre allora sottoprefetto , prima di diventare direttore di una fabbrica di giocatoli dove scriveva diversi libri la maggior parte illustrati proprio da suo figlio.Nel 1937, la famiglia si trasferisce a Parigi, dove François inizia a dipingere all'età di 14 anni, con Jean-Denis Maillart che gli da lezioni di pittura e qualche anno dopo gli permette di esporre al Salon della Société Nationale des Beaux-Arts. Nel frattempo, si laurea in russo presso la Scuola di Lingue Orientali a Parigi continuando a dipingere,ama le opere di Raoul Dufy e Amedeo Modigliani. Dopo un breve periodo figurativo,...

Scopri di più >>

ARFLEX

Nel 1947 Carlo Barassi, ingegnere della Pirelli insieme a Renato Teani, del settore finanziario Pirelli, Pio Reggiani e Aldo Bai, fondarono l’azienda Ar-flex ('arredamenti flessibili') poi arflex, i quali insieme ad un giovane architetto Marco Zanuso, iniziarono a sperimentare l’uso della gommapiuma e dei nastri elastici per l’arredamento. Nella storia e nella vita di un'azienda ci sono vicende e momenti di speciale significato, che costituiscono titoli di merito riconosciuti da tutti. I primi fatti memorabili dell'arflex coincidono con la sua nascita, in un piccolo stabilimento di Corso di Porta Vittoria a Milano. Lì si costituì il primo nucleo organizzativo di produzione e vendita, ma il primo incontro con il pubblico avvenne in occasione della IX Triennale di Milano nel 1951 do...

Scopri di più >>

FONTANA ARTE

è un’azienda italiana specializzata nella lavorazione del vetro e in complementi di arredo. Fondata nel 1881 a Milano da Luigi Fontana, nasce come industria produttrice di lastre di vetro per usi edilizi. Ebbe quali direttori artistici Giò Ponti, Pietro Chiesa e Max Ingrand. Acquistò notorietà soprattutto per la lavorazione del cristallo curvato e la produzione di apparati per l’illuminazione. Nel 1906 è presente alla Fiera internazionale di Milano con un proprio padiglione. Nel 1910 la Saint-Gobain ne acquisisce la maggioranza, Luigi Fontana mantiene il suo ruolo di direttore artistico. Da Luigi Fontana & Compagni, l’azienda cambia nome in Società Anonima. Vengono aperti punti vendita a Torino, Genova, Venezia, Trieste, Roma, Cagliari, Sassari, Messina, Palermo. Agenzie nelle...

Scopri di più >>

Augusto Bozzi

Il nome del designer Augusto Bozzi (1924-1982) è legato a quello dell’azienda lombarda Saporiti, per la quale dalla fine degli anni Quaranta disegnò sedie e poltrone. Sergio Saporiti, che fondò la società nel 1945, volle lavorare fin dall’inizio con architetti e designer in grado di realizzare prodotti in cui la semplicità si coniugasse con l’innovazione nell’uso di materiali d’avanguardia nel campo dell’arredamento. Bozzi, insieme ad Alberto Rosselli e Giorgio Raimondi, diede corpo alle sue idee. Tra le sedute più celebri e imitate di Bozzi, va ricordata la “Ariston”, del 1957. Ma già una decina di anni prima, con la “Major chair”, aveva incominciato a connotare di raffinata ed elegante italianità i prodotti che fino ad allora avevano molto risentito dell’...

Scopri di più >>

Massimo Vignelli

nasce a Milano il 10 gennaio 1931. Superata un'infanzia difficile nella Milano provata dalla seconda guerra mondiale, inizia ad interessarsi dapprima di architettura e successivamente di disegno industriale. Nel 1949, a soli diciotto anni, il giovane Massimo partecipa al Congresso Internazionale di Architettura Moderna, che quell'anno si sarebbe svolto a Bergamo. Qui ha l'opportunità di conoscere i migliori architetti europei dell'epoca, esperienza che descriverà come «una festa, per un giovane fanatico com'ero all'epoca». Vignelli crescerà assieme a quella che diventerà la prossima generazione di grandi architetti: Vittorio Gregotti, Aldo Rossi, Gae Aulenti, Guido Cannella e molti altri. Vignelli ha studiato architettura al Politecnico di Milano e all'Università IUAV di Venezia. ...

Scopri di più >>

Osvaldo Borsani

Osvaldo Borsani comincia a lavorare giovanissimo nell’azienda di famiglia di costruzione di mobili. Nel 1933 partecipa alla quinta Triennale di Milano con il progetto per la “Casa Minima”, che viene premiato con la medaglia d’argento. Nel dopoguerra, dopo la laurea al Politecnico, stringe legami di amicizia con numerosi artisti fra cui Lucio Fontana, Agenore Fabbri, Aligi Sassu, Roberto Crippa, Fausto Melotti, Arnaldo Pomodoro, assieme ai quali realizza importanti opere d’arte nell’arredo e nell’architettura d’interni. Nel 1953, insieme al fratello Fulgenzio, fonda Tecno, il grande progetto a cui lavorerà tutta la vita per sviluppare la produzione di serie rispetto a quella su disegno. Le sue prime opere di industrial design sono la poltrona ad assetto variabile P40 ...

Scopri di più >>

Marco Zanuso

Marco Zanuso (1916-2001) è stato un architetto e designer italiano. Marco Zanuso, designer e urbanista, è considerato tra i padri fondatori del design industriale italiano. Insieme al gruppo dello studio BBPR, ad Alberto Rosselli, a Franco Albini, a Marcello Nizzoli e ai fratelli Livio, Pier Giacomoe Achille Castiglioni, ha contribuito al dibattito nel dopoguerra sul "movimento moderno" nell'architettura e nel design. Zanuso è stato uno dei primissimi ad interessarsi ai problemi dell'industrializzazione del prodotto e all'applicazione dei nuovi materiali e tecnologie agli oggetti di uso comune. Laureatosi nel 1939, fu redattore delle riviste Domus (1947-49) e Casabella (1952-54), e membro fondatore (1956) e presidente dell'Associazione per il Disegno Industriale (1966-69). Insieme ...

Scopri di più >>

SAPORITI

Saporiti Italia is one of the leading Italian interior design and furniture companies. Since 1950, the Saporiti Italia Group setsup furnishing collections for home, office and public spaces. The Saporiti products have always been distinguished by avant-garde design, advanced technology and the exclusivity of their materials and details. These products, designed by some of the most important architects of the world,have been exhibited in the most prestigious design and art museums. ...

Scopri di più >>

Pietro Chiesa

Discendente da una illustre famiglia ticinese di artisti, dopo un periodo di apprendistato presso il vetraio Giannotti apre nel 1921 una propria bottega per la lavorazione del vetro. Nei primi anni ‘20 partecipa alla Biennale di Monza, alla Biennale di Venezia, all’Exposition des Arts Décoratifs di Parigi e alle esposizioni di Colonia e Barcellona. Nel suo lavoro coniuga un’estrema modernità e un’elevata abilità tecnica.Realizza le vetrate della Borsa Valori di Trieste, quelle della motonave Victoria e del transatlantico Conte di Savoia.Nel 1932 viene chiamato da Gio Ponti a condividere la direzione artistica della neonata FontanaArte, ruolo che gli darà modo di esprimere tutta la sua creatività, progettando oltre un migliaio di oggetti diversi (mobili, tavoli, lampade, vetrat...

Scopri di più >>

Vladimir Kagan

Designer e architetto, Vladimir Kagan è morto a 89 anni. Precursore dell'arredamento minimalista, era soprannominato "re dei sofà". Se ne è andato venerdì scorso, nella sua casa di Palm Beach, in Florida, a causa di un infarto. Nel mondo del design americano era considerato una leggenda. Il suo nome era legato a divani celeberrimi come l'Omnibus o il Serpentine, ma aveva pensato e realizzato anche pezzi d'arredamento come il tavolo da pranzo con sedie in noce Fred. Dalla seconda metà degli anni Cinquanta, Kagan aveva lavorato per le star del cinema americano. Da Marylin Monroe a Frank Sinatra, da Andy Warhol a Gary Cooper. Aveva lavorato anche alla realizzazione delle sedi di grandi società come Walt Disney e General Electric. Emigrato dalla Germania negli Stati Uniti nel 1938, a...

Scopri di più >>

Tommi Parzinger

Parzinger è stato un illustratore e designer tedesco americano. Figlio di un scultore, studiò presso la scuola di arte applicata a Monaco di Baviera. Lavorava con ceramica, vetro, metallo e legno. Fu alunno di Richard Riemerschmid e membro del secondo gruppo di grafici con il nome die Sechs assieme a Franz Paul Glass, Valentin Zietara, Max Eschle, Johann Baptist Maier (Hans Ibe), Otto Ottler. Dopo essere emigrato negli Stati Uniti d'America, continuò la sua carriera come designer soprattutto di mobili. ...

Scopri di più >>

VENINI

Alessandro Mendini, architetto e designer di fama mondiale, racconta così la magia del Vetro nella Fornace Venini. “Nella mia memoria, sono da sempre depositati i fantasmi della inconfondibile identità della Venini. Quando lavoro per questa nobile azienda cerco sempre di collegarmi al mistero degli archetipi che hanno condotto a un così preciso stile, lungo una così lunga storia, e cerco di provarne una interpretazione. Mi sembra che il gusto Venini sia frutto di un magico dosaggio creatosi nel tempo, fra alcune tecniche esclusive, alcuni eccezionali artisti inventori di forme, e la scelta di certi colori. Questa tradizione e questi confini sono la magica formula di Venini. L’hortus conclusus Venini fa parte delle meraviglie dell’umanità. Calma e saggezza di un chiaro artigi...

Scopri di più >>

Gallotti & Radice

La Gallotti&Radice è stata la prima azienda in Italia, fin dai primi anni sessanta, a promuovere l’amore per lo studio e per l’impiego del cristallo nell’arredamento. Altri uomini e altre imprese ne hanno più tardi seguito l’esempio. Questo dato costituisce oggi, naturalmente, un vanto, ma insieme anche una sorta di responsabilità concreta nei confronti della cultura e, in particolare, del design. La Gallotti&Radice si sente, ed è, oggi, investita del compito e del ruolo di continuare, di tenere vivo lo sviluppo del “vero” design del cristallo. Il cristallo, che è insieme fragilissimo e fortissimo, trasparente ed immutabile, leggero ed eterno, va avvicinato, da chi ne progetta l’architettura, con sincero rispetto e con intimo trasporto, con autentica poesia ( che è l...

Scopri di più >>

Campo e Graffi

Franco Campo e Carlo Graffi architetti compagni di università, allievi di Carlo Mollino, con il quale collaborano a vari progetti (anche per l'ENI di Mattei), che fondano nel 1956 la Home a Torino, una fabbrica per la produzione di mobili in scala industriale. Nei prestigiosi negozi aperti a Roma, Torino e Genova, vendono arredi dal design rigoroso principalmente realizzati in teak e metallo nero. La produzione ha un notevole successo e viene recensita su molte importanti riviste del settore dell'epoca. ...

Scopri di più >>

Guglielmo Ulrich

Guglielmo Ulrich (1904-1977) Di nobile famiglia di origine danese, frequenta l’Accademia di Brera e, dopo un biennio, nel 1928 si laurea in architettura al Politecnico di Milano. Nel 1930 fonda, con Scaglia e Wild, la società Arca (Arredamento casa) di cui sarà il progettista e che presenterà oggetti realizzati con grande cura e valore artigianale utilizzando materiali preziosi ed esotici (fino al 1936). Fino al 1945 disegna mobili per Scaglia, realizzati da Jannace e Kovacs. Negli anni '50 partecipa a diverse Triennali, arreda negozi e uffici in varie città italiane, progetta edifici. Partecipa a diversi concorsi, tra cui quelli riferiti agli arredi navali. Gli anni '60 rappresentano per Ulrich un progredire con cauto interesse verso il mondo industriale. Nel 1961 riceve il primo...

Scopri di più >>

Ignazio Gardella

Ignazio Gardella (1905-1999) Nato in una famiglia di architetti, il capostipite è l'omonimo bisnonno Ignazio Gardella (senior). Dal 1915 al 1923 frequenta il Liceo classico Giovanni Berchet di Milano e stringe amicizia con il compagno di scuola Luchino Visconti, futuro regista teatrale e cinematografico[1]. Si laurea in ingegneria al Politecnico di Milano nel 1928 (mentre ottenne la laurea in architettura allo IUAV, Istituto Universitario d'Architettura di Venezia nel 1949). Nel periodo universitario entra in contatto con gli altri giovani protagonisti della scena milanese assieme ai quali prende parte attiva alla creazione del Movimento Moderno italiano. La lunga attività professionale, che inizia prima della laurea alla fine degli anni venti con il padre Arnaldo Gardella, produce un...

Scopri di più >>

Luigi Caccia Domignoni

Nato a Milano nel 1913, si laurea alla facoltà di architettura del Politecnico di Milano nel 1936 e nello stesso anno a Venezia inizia la professione in unione con Livio e Pier Giacomo Castiglioni, vincendo il concorso della Scuola di Vimercate. L’attività nel campo dell’Industrial design lo vede “pioniere” alla VII Triennale di Milano con una serie di apparecchi radio progettati con i fratelli Castiglioni. Negli anni ’50 nasce l’Azucena dove, insieme con Gardella e Corradi, Caccia fa confluire i disegni dei suoi mobili e oggetti. La sua serie di posate “Caccia” è al Museum of Modern Art di New York....

Scopri di più >>

Alfredo Barbini

1912-207 Fu da giovane maestro vetraio per la fornace Zecchin & Martinuzzi (gestita tra il 1932 e il 1934 da Francesco Zecchin e Napoleone Martinuzzi) in seguito divenne direttore artistico della vetreria Gino Cenedese, per la quale creò numerose statue in vetro e i cosiddettiAcquari, ossia «blocchi di vetro incolore che inglobavano coloratissimi elementi della flora e della fauna marina, precedentemente formati». Con la Cenedese partecipò alla Biennale di Venezia del 1948 La recessione della Cenedese lo portò nel 1950 alla fondazione di una sua vetreria, nella cui conduzione fu coadiuvato dai figli Oceania e Flavio. La vetreria si specializzò nella lavorazione del vetro massiccio, del vetro sommerso e a partire dagli anni settanta della murrina e del soffiato sottile. Partecipò i...

Scopri di più >>

CAVATORTA

The family company Cavatorta was established in Rome in 1869 by Eugenio Cavatorta. It produced its furniture only in small and exclusive series, its main customers being embassies, hotels, schools and ships. Each furniture fitting was designed uniquely for each specific commission. During the 1930’s, led by Eugenio’s son Silvio, the company started to obtain prestigious commissions for international organizations and ministries. Silvio’s son Franco studied architecture during which he took extended internships in the studios of Le Corbusier, Arne Jacobsen, Finn Juhl and Sven Markelius. He was the first to present these northern modernist developments in Italy during a conference on Scandinavian furniture. During this time the Cavatorta’s continued to obtain big commissions, the mos...

Scopri di più >>

Grazia Varisco

(nata il il 5 ottobre 1937) è un esponente di rilievo dell’Arte cinetica e programmata, ed è stata membro del Gruppo T di Milano insieme a Gianni Colombo, Davide Boriani, Gabriele De Vecchi. Le sue opere restituiscono in modo esemplare le diverse diramazioni della sua ricerca, dai giochi magnetici dell’iniziale fase programmatica, alle costanti alterazioni delle regole visuali che segnano l’identità mutevole dell’artista dagli anni Sessanta fino all’attualità. In ogni fase del percorso, Varisco esplora l’essenza dinamica dell’immagine, usa diversi mezzi per modificare la sensibilità acquisita, usa strumenti operativi che non escludono mai il dubbio e l’inquietudine, amplificando la percezione di ciò che abitualmente accade e rimane inosservato. Le “Tavole m...

Scopri di più >>

Tito Agnoli

Tito Agnoli nasce a Lima, in Perù, nel 1931 da famiglia italiana. Rientra in Italia dopo la guerra. Pittore per formazione (studia con Sironi), nel 1949 si iscrive alla Facoltà di Architettura, dove si laurerà nel 1959 e sarà assistente di Gio Ponti e di Cardo De Darli. Già agli inizi degli anni '50 intraprende però una intensa attività professionale nel campo del design. Progetta, tra gli altri, per Arflex, Cinova, Lema, Matteo Grassi, Molteni, Montina, Oluce, Pierantonio Bonacina, Poltrona Frau, Schiffini, Ycami. Più volte segnalato al Compasso d'Oro, nel 1986 vince la medaglia d'oro al Neocon di Chicago. Muore a Milano nel febbraio del 2012. Alcuni suoi pezzi sono conservati nella collezione permanente del MoMa di New York. ...

Scopri di più >>

Gaetano Sciolari

While Sciolari Lighting has been around since 1892, it was their most famous offspring Gaetano Sciolari who went on to design for Italian manufacturer Stilnovo in the 1950’s. Angelo Gaetano Sciolari (1927-1994), renowned Italian entrepeneur and designer, would not have engaged himself in the world of lighting if it hadn’t been for his father’s premature death. After graduating from the Faculty of Architecture, Sciolari began training as a film director however, after the death of his father in 1949, the 22 year old took over the family business. Although this new position meant a complete career change, Gaetano directed the company with great vision. Within a few years, he expanded the family business. In 1954 the company won an international lighting and design competi...

Scopri di più >>

MAZZEGA

Fondata nel 1946 da Gianni Bruno Mazzega, l’azienda AVMazzega porta con sé secoli di esperienza ed artigianalità,passione e tenacia nel praticare l’arte della lavorazione del vetro a mano. L’azienda affonda le radici nella prestigiosa arte vetraria veneziana, i lampadari in vetro di Murano realizzati da AvMazzega sono ricavati seguendo la nobile e attenta tradizione della lavorazione del vetro a mano. ...

Scopri di più >>

Willy Rizzo

Willy Rizzo’s furniture designs appear to be closely linked to his apartments, both in style & story. In 1966 on a visit to Rome, Willy Rizzo spontaneously took a lease on a commercial unit which would become not only the photographer`s home but a career turning point. Barely habitable and without running water, Rizzo set about turning the empty office into a living space. Working with local artisans, Rizzo customised furniture for his lofty apartment. It was here that he was inspired to design the Alveo burl walnut coffee table bar, which is available at Roomscape. Having photographed stars & aristocrats, Rizzo had a ready-made customer base who fell in love with his creations and began placing orders. Rizzo`s designs reflected his innate sense of luxury which developed fro...

Scopri di più >>

MAISON JANSEN

MAISON JANSEN Maison Jansen (House of Jansen) was a Paris-based interior decoration office founded in 1880 by Dutch-born Jean-Henri Jansen. Jansen is considered the first truly global design firm, serving clients in Europe, Latin America, North America and the Middle East. This House is located at 23, rue de l'Annonciation, Paris. From its beginnings Maison Jansen combined traditional furnishings with influences of new trends including Anglo-Japanese style, the Arts and Crafts movement, and Turkish style. Throughout the firm's history, it employed a traditional style drawing upon European design, but influence of contemporary trends including the Vienna Secession, Modernism, and Art Deco has also appeared in Jansen interiors and in much of the custom furniture the firm produced betwe...

Scopri di più >>

Jasmine Pignatelli

Nata in Canada nel 1968, vive e lavora tra Bari e Roma. È impegnata in un personale e convinto percorso artistico nella scultura. Dopo il liceo artistico a Bari e la laurea in Architettura al Politecnico di Milano, si avvicina all’arte contemporanea con un approccio storico-critico collaborando per diversi anni con numerose gallerie d’arte e riviste del settore. Ha all’attivo diverse mostre collettive e personali non ultima la partecipazione alla mostra “La Scultura Ceramica Contemporanea in Italia” presso la GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e alla collettiva “SiO2 Modalità Ceramica” presso la Sinopia Galleria Roma. In Puglia ha recentemente concluso la Residenza d’Artista “MADE IN LOCO”, un progetto del Segretariato Regionale MiBAC...

Scopri di più >>

Carlo De Carli

De Carli è un architetto “globale”, come tutti coloro che vanno oltre l’ambito della propria attività professionale e quello stesso dell’insegnamento universitario con le relative elaborazioni teoriche, metodologiche, storico-critiche, progettuali, per promuovere l’architettura fin nei suoi stessi processi costruttivi e fruitivi. Nel suo caso ciò è avvenuto soprattutto tramite l’attivazione di circuiti culturali fra professione, scuola, mondo della produzione, utenti: dalle Triennali, con cui collabora dal 1940 fino al 1973, alla pubblicistica (tra il 1957 e il 1960 dirige “il mobile italiano”, mentre tra 1967 e il 1971 è direttore di “Interni”), alle molteplici iniziative per il rinnovamento dei centri di produzione mobiliera. Docente di Architettura degli Interni...

Scopri di più >>

claudio Varone & Anneke Copier

Architetto ed artista che dal 2000 lavora come interior designer ad Amsterdam. Nato a Bari porta con sé i sapori , gli odori e le forme del mediterraneo che traduce nella sua produzione artistica . Il suo lavoro è incentrato sulla sperimentazione di forme e colori attraverso l’uso dei tessuti. Dal 2003 la sua ricerca esplora le potenzialità del feltro. Dal 2006 collabora con l’artista olandese Anneke Copier il cui contributo ha permesso la realizzazione di alcuni dei suoi pezzi più monumentali . I due designer partiti artisticamente nel 2006 col progetto “Felt for architecture”, si propongono di combinare in un travolgente mix di arte, artigianato e architettura pezzi unici in feltro di lana a volte combinati con seta e fibre naturali dando vita a una collezione di tappeti ...

Scopri di più >>

Pietro Capogrosso

Pietro Capogrosso è nato a Trani nel 1967. Vive e lavora fra Milano e Mosca . Achille Bonito Oliva che gli dedica un ‘ intero catalogo ,definisce il confine di Capogrosso come frutto di un processo creativo in cui precipitano più linguaggi – pittura, scultura e architettura - frutto anche di una identità antropologica che rinvia ad una sensibilità mediterranea. Ed è dai Balcani che proviene quella che chiamiamo “cultura mediterranea” - che non può essere egemonizzata semplicemente dal logocentrismo occidentale - un’idea di bellezza tipica di una tradizione che trova le sue linee nell’arte greca ma anche nella cultura orientale, nella cultura araba, in cui l’ornamentazione e la decorazione non sono frutto secondario ma un’opzione parallela a quella della figurazione, u...

Scopri di più >>

Carlo Mollino

Carlo Mollino nacque nel 1905 a Torino, figlio unico di Jolanda Testa e dell’ingegnere Eugenio Mollino. Suo padre fu autore di diverse opere pubbliche che gli diedero una certa notorietà e di cui la più famosa è la progettazione dell’Ospedale Le Molinette di Torino, il più grande d’Italia in quegli anni. Mollino si laurea in architettura nel 1931, diventa rapidamente uno degli artisti più in vista, tra il 1933 e il 1973 (anno della sua improvvisa scomparsa) realizza una decina di opere architettoniche - tra cui i suoi capolavori: la Società Ippica Torinese, la Slittovia del Lago Nero e il Nuovo Teatro Regio di Torino, tutte caratterizzate da una particolare attenzione all'aspetto funzionale. Altrettanto originale fu la sua attività di progettista d’interni e di fotografo: ne...

Scopri di più >>