News

SONO PERSONE 8.8.1991

Opera di Jasmine Pignatelli

A cura di Anna Gambatesa e Stefano Straziota

progetto per un intevento site-specific di arte pubblica a Bari , l’opera è dedicata a un evento storico e sociale che nonostante gli anni, gli anniversari, i documenti video e le memorie accumulate, torna prepotentemente oggi in tutta la sua attualità, per l’umanità che genera e per la partecipazione civica che incoraggia.

L’utilizzo planetario del Codice Morse come sistema di trasmissione di segni e di dialogo, internazionalmente riconosciuto e storicamente utilizzato per inviare messaggi, costituisce una forma ante litteram di comunicazione digitale. Questa sua natura, nel lavoro di Jasmine Pignatelli, si traduce nella volontà di creare un Segnale d’Arte, un’Antenna Plastica che comunica al pubblico attraverso punti, linee e spazi che generano PAROLE e nello stesso tempo si fanno scultura, segno artistico, geometria che ambisce ad essere sociale e non solo estetica.

E’ l’8 agosto 1991 quando la nave Vlora entra nel porto di Bari. La storia la conosciamo tutti. In questa lettura artistica, il racconto/memoria dell’evento è affidato ad una frase che l’allora sindaco Enrico Dalfino pronunciò sommessamente alla fine di una giornata incancellabile e che di fatto ha segnato la storia dell’immigrazione mondiale: “Sono Persone” – ripeteva – “persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro unica speranza”.
La scultura celebra in Morse la frase pronunciata da Dalfino affiancandola alla data dello sbarco .

default

Di Francesco Castellani